1936 - 2016 CONCERTO INAUGURALE

TOSCANINI: OTTANT'ANNI DI FONDAZIONE DELLA FILARMONICA DI ISRAELE

Patrocinato dall'Ambasciata Israeliana in Italia, da Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Città di Brescia, e sostenuto dal Ministero del Turismo Israeliano e da altre istituzioni Internazionali si comunica che il 9 settembre 2016 alle ore 20,00 presso il Teatro Grande di Brescia, diretto dal maestro Michele Bui, l'orchestra Filarmonica della Franciacorta eseguirà il concerto che celebrerà l'ottantesimo anniversario della Fondazione della Filarmonica di Palestina, ora filarmonica di Israele, concerto inaugurale avvenuto nel 1936 e diretto dall'italiano Arturo Toscanini.

Programma del Concerto

Gioacchino Antonio Rossini

La scala di seta

Ouverture

 

Johannes Brahms

Second Symphony D major op.73

Allegro non troppo | Adagio non troppo | Allegretto grazioso | Allegro con spirito

 

Franz Schubert

Unfinisched Simphony B minor

Allegro moderato | Andante con moto

 

Felix Mendelssohn Bartholdy

Midsummer Might's Dream

Nocturno and Scherzo

 

Carl Maria von Weber

Oberon

Ouverture

il direttore: MICHELE BUI

Download
CURRICULUM VITAE M° MICHELE BUI
CURRICULUM nuovo 1.pdf
Documento Adobe Acrobat 56.4 KB

Biglietteria

I biglietti saranno in vendita nei mesi di luglio, agosto e settembre online sul sito www.vivaticket.it e presso tutti i rivenditori autorizzati vivaticket, in particolare presso la Libreria Serra Tarantola Via Fratelli Porcellaga, 4 - 25122 Brescia Tel. +39 030 49300) ad esclusione della settimana dal 14 al 22 Agosto

I biglietti saranno inoltre acquistabili presso la Biglietteria del Teatro Grande nei giorni 8 settembre (dalle 13.30 alle 19.00) e 9 settembre (dalle 13.30 fino all’inizio del concerto). 

 



GUarda il video tratto dal film "Orchestra of exiles"

la produzione video del film è stata fatta da RAI5 in occasione del concerto del 27gennaio 2016 presso il Parco della Musica di Roma. All'interno del concerto intitolato Il Coraggio della Musica - Arturo Toscanini"



G. A. Rossini

La scala di seta

Ouverture

J. Brahms

Second Symphony D major - op.73

 

F. SChubert

Unfinisched Simphony B minor

F.  Mendelssohn

Midsummer Might's Dream

Nocturno and Scherzo

C.m. von weber

Oberon

Ouverture



ARTURO TOSCANINI

Arturo Toscanini nasce a Parma il 25 marzo 1867, da una famiglia di patrioti  e di appassionati di musica lirica. Dimostrata fin dalla tenera età una grande disposizione musicale, Arturo diviene allievo interno della Regia scuola di Musica, dove studia armonia, composizione e violoncello diploman-dosi con lode. Nel 1886, durante una tournée in Brasile, è chiamato all’improvviso a sostituire il direttore d’orchestra Leopold Miguéz. Dirige a memoria Aida: non ha che diciannove anni, ed è l’inizio di una carriera che non avrà eguali. Dal 1895 è chiamato al Regio di Torino, dove dirige la prima della Bohème di Puccini

Nei primi del ‘900 viene chiamato a New York, dove dirige al Metropolitan affiancando, all’inizio, Gustav Mahler.

Nel 1936 inaugura in Israele la neonata Orchestra di Palestina

Dopo la guerra, nel 1946, Toscanini rientra in Italia per dirigere il concerto inaugurale della Scala ricostruita dopo i bombardamenti. Seguono molti impegni e progetti, ma la salute precaria lo costringe a lunghi periodi di riposo. 

Il 16 gennaio 1957, in seguito ad una trombosi cerebrale, Toscanini muore nella sua Villa di Riverdale, presso New York.

TOSCANINI & ISRAELE

Nel 1933 Toscanini fu il primo firmatario di un telegramma indirizzato a Hitler per protestare contro il bando ai musicisti ebrei che erano stati esclusi dalle orchestre tedesche. Pochi giorni dopo aver ricevuto quel telegramma, Hitler invitò personalmente il Maestro affinché tornasse a dirigere al Festival di Bayreuth, ma Toscanini rifiutò. Nel 1936, invece, accolse molto volentieri l’invito a dirigere i primi concerti della neonata Orchestra di Palestina (oggi Filarmonica di Israele), formata interamente da musicisti ebrei che erano stati costretti a lasciare l’Europa. Toscanini pose una sola condizione: sarebbe andato, ma a proprie spese e senza alcun compenso.

Il successo di quei concerti fu straordinario. La presenza di Toscanini fu un eccezionale lancio per la nuova orchestra. Nel 1938, dopo la promulgazione delle leggi razziali in Italia, il Maestro volle dare un nuovo segno di vicinanza al popolo ebraico. E, nonostante da Tel Aviv avessero fatto di tutto per dissuaderlo, perché le nascenti tensioni fra ebrei e arabi avrebbero potuto mettere a rischio la sua incolumità, Toscanini tornò a dirigere l’orchestra che aveva fatto nascere. In questa occasione, per la prima (e ultima) volta l’orchestra eseguì musiche di Wagner.

VINCI ISRAELE...

Acquistando un biglietto del concerto e presentandoti successivamente nella Agenzia zerotrenta.eu di via Malta 12/b avrai la possibilità di avere uno sconto del pari al biglietto aquistato sul prossimo viaggio organizzato  in Israele da parte dell'agenzia partner "zerotrenta" grazie alla preziosa collaborazione del titolare Riccardo Bertoli.

www.zerotrenta.eu



ambasciatore d'israele

L'Ambasciatore N. Gilon
L'Ambasciatore N. Gilon

MIN. TURISMO ISRAELIANO

Il Direttore A. Kotzer Adari
Il Direttore A. Kotzer Adari

REGIONE LOMBARDIA

L' Assessore M. Parolini
L' Assessore M. Parolini

PROVINCIA DI BREsCIA

Il Presidente PL.Mottinelli
Il Presidente PL.Mottinelli

in attesa del comunicato ufficiale.

COMUNE  DI BRESCIA

Il Vicesindaco L. Castelletti
Il Vicesindaco L. Castelletti

in attesa del comunicato ufficiale.

Consorzio Grana Padano

Il presidente  Nicola Cesare Baldrighi
Il presidente Nicola Cesare Baldrighi


israel philharmonic orchestra

L’Israel Philharmonic Orchestra è stata fondata proprio nel mese di dicembre del 1936 ed é straordinario pensare che lo Stato Israele, sarebbe ufficial-mente nato solo il 14 maggio del 1948, ossia dodici anni più tardi. Un episodio che dimostra quanto la cultura e la musica siano  importanti per il popolo ebraico.

Fu il più grande direttore d'orchestra di quei tempi, Arturo Toscanini, a dirigere il concerto inaugurale, dirigendo ancora, tra il 1936 e il 1937,  ben diciotto concerti. Toscanini si sentiva, come lui stesso ebbe modo di dichiarare "un ebreo onorario".

L’Orchestra è oggi considerata tra le migliori del mondo, annovera tra  suoi protagonisti grandi Solisti e grandi Direttori.

La presenza di tante ed autorevoli personalità, è testimonianza dell'altissimo livello Internazionale. Coniugare la cultura con le battaglie di civiltà e con l'impegno per la diffusione della musica colta, verso le nuove generazioni di ogni parte del mondo, è fondamentale per il nostro tempo

toscanini ANTINAZISTA

L’impegno etico ed antinazista di Toscanini è molto noto nella sua carriera (i giovani probabilmente invece non ne sono a conoscenza, dunque giusto ricordarlo ed omaggiarlo) ed il gesto fortemente simbolico di dirigere la Palestine Orchestra (ora Israel Philharmonic Or-chestra ndr) fu la conclusione di un profondo impegno contro le persecuzioni razziali che lo portò ad autoesiliarsi in America, per protesta contro i soprusi del regime nazista, ed a rifiutare la prestigiosa conduzione del Festival di Bayreuth nel 1933, nonostante una lettera personale di Hitler che lo pregava di cambiare idea. Toscanini non cambiò mai idea, fedelmente in prima linea contro le persecuzioni e le oppressioni di quello che considerava “un regime odioso, crudele, insopportabile“, quale quello nazi-fascista. Quando nel 1936 il grande Maestro accettò di dirigere gratuitamente la Palestine Orchestra, l’impegno sociale, etico, la forza della sua azione acquisì un’eco mondiale.